Dacci oggi la nostra melma quotidiana

Una di quelle giornate in cui la cronaca ti rovescia addosso così tanta melma da rischiare di soffocarti.

Una ragazza abbandonata in overdose viene usata per giustificare: una tentata strage razzista; un peloso discorso sulla necessità di “ridiscutere l’immigrazione”; una serie di vergognose uscite da campagna elettorale; un coro di sentenze sputate da chi ha avuto l’immensa fortuna di non trovarsi mai neppure di striscio ad avere a che fare con una dipendenza.

Si scopre che il corpo di quella stessa ragazza su cui stanno banchettando orde di sciacalli tra i peggiori mai visti ha subito un’ennesima, evitabile violenza poco prima di morire. Non che la riconosceremo come tale: diremo che non c’è stata costrizione fisica, che c’è stato un passaggio di denaro a sanare tutto, come se noi femministe non ci sgolassimo da anni a spiegare che è l’abuso di una posizione di vantaggio a rendere tale uno stupro.

Una seconda ragazza viene uccisa da un uomo, e i giornali si affrettano a servirci una carrellata delle sue foto e a informarci del fatto che fosse “problematica”, con un “passato difficile”. Perché fateci caso, le donne vittima di violenza spesso hanno un passato, una sorta di marchio di Caino che le rende in qualche modo responsabili di quello che loro accade. E, morendo, rinunciano a ogni diritto alla privacy: le loro foto, i video, i post su Facebook vengono serviti come contorno al banchetto degli sciacalli.

I media italiani, che da decenni contribuiscono a distorcere la realtà dell’immigrazione con inchieste, titoli, servizi apocalittici, confondono ancora la libertà di espressione con il diritto a un megafono, e offrono spazi a fascionazisti che si ostinano a non riconoscere e trattare come tali, giustificando l’inseguimento di ascolti e click con l’impellente “necessità” di un dibattito equilibrato. E pazienza se non abbiamo ancora imparato che la piena umanità di determinate categorie di persone non può, non deve, essere oggetto di dibattito. Pazienza anche se gli stessi media si autoesentano dall’obbligo di equilibrio che pretendono di imporre agli altri, continuando a usare quella neo-lingua vigliacca per cui la nazionalità dell’accusato di un reato è sempre specificata fin dal primissimo lancio di agenzia, ma solo nel caso in cui abbia passaporto del Sud del mondo e pelle non chiarissima.

Domani, ovviamente, ci sarà un altro carico di melma. Ci saranno le giustificazioni, le spiegazioni, i “chiarimenti” del perché di certi articoli che mai avrebbero dovuto essere scritti né tantomeno pubblicati, le non-scuse degli scribacchini che si diranno dispiaciuti (loro) se li abbiamo fraintesi (noi). E comincio a temere sul serio che, un giorno, tutta questa melma ci sommergerà per davvero.

Advertisements

Meno sciocchezze sull’Europa? Un’occhiata al programma elettorale del centrodestra

Ieri mi è capitato sott’occhio un tweet di Gianni Alemanno con una serie di punti chiave del programma elettorale del centrodestra per i rapporti con l’Europa: centrodx europauna vera chicca nell’arte di sembrare risoluti e propositivi (“Meno vincoli dall’Europa!”) senza effettivamente proporre alcunché di fattibile. E mi sono detta che sarebbe stato un peccato lasciarla senza commento.

1. No alle politiche di austerità. E fin qui va bene, applausi, lo dicono in tanti da tempo. Certo ci sarebbe da spiegare come le si vogliono cambiare, e che cosa si propone per la modifica del Patto di Crescita e Stabilità, ma non faremo i pignoli.

2. No alle regolamentazioni eccessive che ostacolano lo sviluppo. Un grande evergreen che viene regolarmente tirato fuori dagli euroscettici di tutte le latitudini; peccato che poi, quando gli si chiede di fornire anche solo un esempio di legge europea “eccessiva” che abbia concretamente ostacolato una qualche occasione di sviluppo, facciano sempre la faccia di quel mio compagno di liceo che si presentava a scuola una volta alla settimana e si mostrava sempre molto stupito nell’apprendere che sì, a domanda del professore ci si aspettava che fosse in grado di fornire una risposta sensata. Nel caso degli euroscettici nostrani, non gli viene mai in mente che lo sviluppo italiano sia ostacolato da mancanza di investimenti in istruzione e ricerca; specifiche caratteristiche del tessuto produttivo, formato in stragrande maggioranza da micro e piccole imprese con tutte le difficoltà che una taglia ridotta comporta; tempi burocratici e giudiziari infiniti; amministrazione obsoleta e non digitalizzata; no, secondo loro il problema principale sono le regolamentazioni eccessive di Bruxelles – che cosa ne pensino del fatto che Paesi come la Germania riescano benissimo a produrre, esportare e crescere non è dato saperlo.

3. Revisione dei trattati europei. Altro grande, immancabile evergreen. La farò breve: sono decenni che sento discutere di revisione dei trattati, e solo da due categorie di persone: quelle che studiano l’argomento di mestiere, e che effettivamente parlano con cognizione di causa e sono anche perfettamente consce del fatto che l’operazione sarebbe giuridicamente complessa e politicamente difficile, e sostanzialmente si fermano all’aspetto teorico del dibattito; e quelli che viceversa non saprebbero neppure accoppiare le principali istituzioni con la rispettiva sede, ma sono appassionatamente convinti del fatto che “questa Europa” non funzioni, e che si debbano cambiarne le regole. Come, non glielo chiedete: non ne hanno la più pallida idea, e a pensarci bene non sono nemmeno appassionatamente convinti. Hanno solo usmato che “Cambiare l’Europa” suona bene, piace a un sacco di gente, ed è un buono slogan che viene bene praticamente per qualsiasi tornata elettorale comprese le condominiali.

4. Più politica, meno burocrazia in Europa. Vedi punto 3: un altro slogan che il cittadino medio italiano, cresciuto a pane e odio della burocrazia (nazionale), non può che sottoscrivere praticamente in automatico. Peccato che la politica, intesa come capacità di fare lobbying sui temi di interesse nazionale, negli ultimi anni sia stata meno efficace – non serve necessariamente più politica, si dovrebbe iniziare a farla meglio. E peccato che, come ho accennato, in fatto di burocrazia l’Italia dovrebbe urgentemente riordinare casa propria prima di invocare tagli al peraltro sovrastimato red tape di Bruxelles.

5. Riduzione del surplus dei versamenti annuali italiani al bilancio UE. Immagino che qualcuno nel comitato elettorale del centrodestra abbia recentemente rivisto il biopic su Margaret Thatcher e abbia pensato fosse una buona idea inserire nel programma una variazione di I want back my money. Forse però avrebbero dovuto informarlo del fatto che il “surplus” è dovuto anche al fatto che l’Italia si è sempre data in ritardissimo gli strumenti per la gestione dei fondi strutturali, ragion per cui la fetta più consistente del flusso di denaro che potrebbe “tornare” a Roma spesso rimane bloccata fino quasi alla fine del ciclo di spesa. Sulle frodi di falsi progetti messi in piedi per rubare soldi alla Commissione, e sui fondi spesi in follie buone solo a creare consensi per amministratorucoli locali, mi taccio per vergogna.

6. Prevalenza della nostra Costituzione sul diritto comunitario, sul modello tedesco (recupero di sovranità). Questo è un altro di quegli argomenti che di solito vengono discussi con cognizione di causa solo quando restano confinati nell’ambito di discussioni accademico-giuristiche, per svuotarsi completamente di significato quando li recupera l’agita-popolo di turno. Perché, partendo dalla fine, “recupero di sovranità” nel mondo globalizzato e iperconnesso del XXI secolo non vuol dire più quasi una ceppa. “Sul modello tedesco” qui credo significhi semplicemente che, finito di rivedere The Iron Lady, l’incaricato del programma elettorale di cui sopra abbia googlato “Diritto UE + Costituzione” e poi cliccato su uno degli articoli a proposito delle discussioni della Corte Costituzionale tedesca, qualche anno fa chiamata a pronunciarsi appunto sulla costituzionalità delle misure adottate per tenere a galla l’Eurozona durante la crisi finanziaria. Indipendentemente dalla posizione di principio che si abbia sulla gerarchia delle fonti di diritto, il dettaglio sfuggito all’autore di questo punto è che il dibattito nel corso degli anni si è evoluto con la giurisprudenza: vale a dire che proclamare a gran voce la prevalenza della Costituzione sul diritto comunitario non ha alcun effetto pratico, se non in caso di eventuale, improbabile conflitto tra una norma adottata a livello UE e una qualche disposizione della Costituzione italiana. Fino a quel momento, stiamo e staremo parlando di aria fritta.

7. Tutela in ogni sede degli interessi italiani a partire dalla sicurezza del risparmio e dalla tutela del Made in Italy, con particolare riguardo alle tipicità delle produzioni agricole e dell’agroalimentare. Si sono tenuti il meglio per ultimo. Notate la deliziosa contraddizione tra “tutela del Made in Italy” (e cioè l’annosa questione sull’etichettatura obbligatoria dei prodotti non alimentari, ripeto non alimentari, che si trascina da almeno due Commissioni e che l’Italia, per quanto ci riprovi ostinatamente a ogni giro, non riesce a far passare)… e “con particolare riguardo alle tipicità delle produzioni agricole e dell’agroalimentare”. Che, come sappiamo (e come saprebbe anche l’estensore del programma se avesse smesso per un momento di smanettare a caso su internet mentre rivedeva vecchi film), sono già tutelati da etichettature DOP, DOC, e DOCG. In ogni caso vi consiglio di tenere un occhio sull’ultimissima alzata d’ingegno italiana in questo campo, l’obbligo di etichettatura “di origine” per riso e pasta (e forse in futuro per altri prodotti) che l’Italia ha unilateralmente introdotto alla fine dell’anno scorso, e sembra scordandosi pure di avvisare la Commissione. Incidentalmente, questa bella pensata che forse ci costerà l’ennesima procedura d’infrazione si applica solo ai produttori italiani: attendo che mi si spieghi in che modo rifilargli un obbligo burocratico aggiuntivo ne tuteli gli interessi, ma mi metto comoda perché credo che attenderò a lungo.

TL;DR: le misure proposte dal centrodestra sull’Europa variano da infattibili a prive di significato a peggio che inutili. Il che, da quello che ho capito, le mette perfettamente in linea con il resto del programma.

Quello che ho imparato dalla discussione sullo ius soli

Non molto, a dire la verità.

Ho imparato che il PD ha calendarizzato il DDL alla fine di una legislatura durata il tempo regolamentare, salvo poi stringersi nelle spalle e scoprire che il tema era “delicato” ed era necessario “prendersi il tempo” di discuterne per bene per non forzare le cose.

Ho imparato con sorpresa che approvare un provvedimento di elementare civiltà a poche settimane dalle elezioni avrebbe fornito materiale alle destre e scoraggiato potenziali elettori moderati. Come mai chi si facesse eventualmente spaventare dall’approvazione della legge sullo Ius soli venga considerato un potenziale elettore di sinistra non l’ho ancora capito, né ho capito perché l’elettore moderato tendente a destra dovrebbe mai scegliere un partito che ne rincorre altri quando può votare direttamente uno degli originali; ma sarò sicuramente io che non ci arrivo.

Non ho imparato, perché dopo un paio di mesi dopo le ultime elezioni era già chiaro praticamente a chiunque, che il Movimento Cinque Stelle è peggio che inutile e che non si può mai fare affidamento sui voti dei suoi eletti (alle anime candide che questo non l’avevano ancora afferrato e che sono riuscite a cadere dal pero anche stavolta direi solo che spero gli sia piaciuta la vacanza su Marte in cui erano evidentemente impegnati durante il voto finale sulle unioni civili).

Ho avuto triste conferma del fatto che troppa della gente che sta in Parlamento ha la decenza, il senso di responsabilità, e la dignità di un’ameba; che per troppi dei militanti non c’è differenza tra aula e stadio quando si tratta di sostenere i propri colori; e che alcuni sedicenti leader non hanno ancora compreso che la parte richiede appunto di saper guidare, non seguire gli umori della folla e sparire nel momento del bisogno, distanziandosi strategicamente da ciò che sembra non piacere ai sondaggi.

In effetti, come dicevo, non ho imparato granché.

Il principio di precauzione e la libertà di espressione dei fascisti

Non entro nello specifico della discussione tecnica sul DDL Fiano, il suo rapporto con le leggi Scelba e Mancino, e l’attuale grado di effettiva applicazione delle suddette; né mi soffermo sulle polemiche da quattro soldi a proposito dell’atteggiamento scivoloso del M5S sulla questione (breve parentesi per chi ancora si facesse illusioni: il M5S è un’azienda travestita da movimento politico ma incapace di funzionare come tale per precisa volontà dei capoccia e reale incapacità della base. Punto. Piantatela di stupirvi di ogni manifestazione della loro inutilità come se fosse la più grande sorpresa politica dell’ultimo secolo).

Quello che mi interessa e mi preoccupa, invece, sono gli alti lai dei cultori della libertà-di-espressione™, quelli grossolanamente riassumibili in “Vietare la libera espressione ai fascisti è fascista”. Allora.

Come ho già avuto occasione di scrivere (parte 1 e 2), non sono una fan della censura facile, preventiva e indiscriminata. Le idee bacate è sempre meglio trascinarle alla luce del sole, dove la loro bruttezza appare evidente a tutti o quasi. Ma qui stiamo parlando di una ben precisa ide(ologi)a e di un ben preciso Paese, e pontificare di libertà di espressione in astratto senza calare il dibattito nello specifico contesto è un’omissione grave.

Tutti conosciamo o dovremmo conoscere la storia italiana e il ruolo che in essa ha giocato il fascismo; dovremmo altresì conoscere i punti cardine dell’ideologia fascista, e il modo in cui la loro applicazione ha privato una grandissima fetta di cittadini italiani dei loro diritti più basilari. Nella discussione in corso sulla libertà-di-espressione™ è sempre in primo piano il dovere dello Stato di mettere i propri cittadini in condizione di formarsi liberamente opinioni e dare loro voce senza temere arbitrarie ritorsioni. Ma si tace sorprendentemente su un altro dovere statale, quello di garantire la loro sicurezza e incolumità. E basta googlare “aggressione (neo)fascista” per rendersi conto che ancora oggi troppe persone vengono private della loro sicurezza (per non parlare dell’incolumità fisica) da nostalgici del Ventennio. Dov’è la tutela statale dei loro diritti?

Chi mastica d’Europa conoscerà il concetto di principio di precauzione, a cui si deve ispirare il legislatore chiamato a regolamentare materie su cui la comunità scientifica non ha ancora dati quantitativamente sufficienti a raggiungere una conclusione definitiva e condivisa; in tal caso, e finché non ci saranno dati più solidi a disposizione, si preferisce sempre l’approccio più conservativo onde tutelare la salute dei cittadini. Per dirla in maniera meno altisonante, nel dubbio si va con i piedi di piombo.

Nel caso del fascismo, sinceramente, mi chiedo di quale principio di precauzione potremmo mai avere ancora bisogno: sappiamo benissimo come sia andata a finire la prima volta e sappiamo anche meglio di allora quanto siano infondate quelle ipotesi di nazionalismo, superiorità razziale e ipermascolinità su cui poggia l’ideologia fascista. Nel frattempo abbiamo anche imparato che la violenza fisica non scaturisce dal nulla ma viene incoraggiata o meno dall’ambiente e dalla cultura prevalente; il linguaggio non solo gioca un ruolo importantissimo nella formazione di questa cultura ma, né più né meno, influenza anche la nostra percezione del mondo.

Per cui, se diciamo di voler difendere la libertà-di-espressione™ dei fascisti, dobbiamo anche accettare che di fatto stiamo dando loro la possibilità di continuare impunemente a intimidire e privare dei propri diritti altre persone. Stiamo dicendo a migranti, minoranze religiose, comunità LGBT e disabili: “Sorry, lo so che dicono che non sei un essere umano e un cittadino a pieno titolo, ma devi arrangiarti da solo. Io resto neutrale”. Solo che, per dirla con l’arcivescovo Desmond Tutu, uno che di privazioni di diritti ne sa qualcosa, “If you are neutral in situations of injustice, you have chosen the side of the oppressor”.

Di scienze politiche, serie B, e dilettanti a cinque stelle

Dopo l’iscrizione a Scienze Internazionali, corso di laurea gestito dalla Facoltà di Scienze Politiche, mi toccò sentire per almeno tre semestri abbondanti il ritornello “Ma come mai scienze politiche? Tu eri brava a scuola, perché fare una giurisprudenza di serie B?” servito a regolari intervalli da amici e conoscenti vari. All’epoca avevo ancora meno pazienza di adesso, ma ero anche educata e quindi invece di mandare a quel paese il simpaticone di turno mi limitavo a sorridere e fare spallucce.

Non ho intenzione di impelagarmi nell’annosa querelle sulle facoltà “veramente difficili” o meno; ho citato la cosa perché ogni tornata elettorale da quando è comparso sulla scena nazionale il Movimento 5 Stelle mi ci fa ripensare, e questo primo turno di amministrative 2017 non fa eccezione.

L’idea che scienze politiche sia una giurisprudenza di serie B è legata a quella che, in generale, l’attività politica non sia poi così difficile e chiunque ci si possa cimentare. In senso lato questo è anche vero – tenere un gazebo per la raccolta firme o volantinare in centro il sabato pomeriggio è piuttosto semplice – ma se parliamo del fare politica come lavoro il discorso cambia.

Con una semplificazione che farebbe inorridire più d’uno dei miei professori, la politica del XXI secolo è una roba complessa che richiede competenze specifiche e una formazione continua (del disclaimer non dovreste avere bisogno ma lo metto lo stesso: sto ovviamente parlando dell’idea di politica nel mondo iperuranio); i cittadini ne delegano l’esercizio ai propri rappresentanti perché questi se ne occupino a tempo pieno. In altre parole, non è una cosa che si possa fare nei ritagli di tempo, esclusivamente online, o senza un minimo di preparazione. Questo perché è un mestiere esattamente come la medicina, la panetteria, la musica, l’agricoltura o l’insegnamento; e a ognuno il suo mestiere.

Queste considerazioni (banali, lo so) mi tornano puntualmente in mente a ogni appuntamento elettorale perché ogni occasione di voto contribuisce a rendere più granitica una convizione che ho da quando i Cinque Stelle sono entrati in Parlamento: la colpa maggiore del M5S (e si noti che la lista è lunga e in continuo aggiornamento) è stata avvicinare alla politica decine e decine di persone impreparate, ignoranti e tuttavia profondamente convinte di non avere bisogno di alcuna formazione per poter esercitare il mestiere con successo. Quello che poi succede è sotto gli occhi di tutti: il M5S è forse la personificazione migliore del detto If you think it’s expensive to hire a professional, wait until you’ve hired an amateur.

Ecco, il problema in tutto ciò è che sembriamo non imparare nulla. Per la cronaca, non sono una grande fan dell’idea “Così almeno la gente tocca con mano” che viene espressa con malcelata Schadenfreude a proposito di ogni rovescio di ogni singola amministrazione grillina, Roma in primis. Non ci dovrebbe essere bisogno di assistere in prima persona alle ulteriori vicissitudini di una città già abbastanza disastrata per capire che il M5S non dovrebbe gestire nemmeno una fila alle Poste. Ma potremmo almeno imparare la lezione e applicarla a più ampio raggio, pretendendo più competenza in generale, esattamente come è nostro diritto pretenderla da tutti quelli che incrociamo per ragioni professionali. Altrimenti continueremo a ritrovarci con una politica, quella sì, di serie B.

Autoritarismo sui vaccini? Pesiamo le parole

I litigi sull’argomento vaccini continuano, rinfocolati dall’annuncio del Consiglio dei ministri su una stretta dell’obbligo vaccinale per l’iscrizione a scuola. La cosa ha provocato una marea di commenti indignati da parte di persone che, pur non mettendo direttamente in discussione l’efficacia dei vaccini (ma anzi in certi casi ammettendo apertamente di non voler discutere l’aspetto scientifico della faccenda), si sono lamentati di quella che vedono come un’intollerabile restrizione della libertà di scelta, parlando addirittura di svolta autoritaria.

Ho letto molte reazioni indignate a questa posizione, riassumibili nel classico “La libertà finisce dove inizia quella degli altri”; è una formula che non amo particolarmente perché rimanda a un’idea tra contrapposizioni di diritti che assomiglia a un gioco a somma zero, ma capisco chi la usa.

Quello che secondo me sfugge ai libertari della scelta a tutti i costi, però, è un altro punto: non viviamo un un vuoto pneumatico ma in una società complessa e interdipendente dove abbiamo diritti e responsabilità. E non tutte le scelte sono uguali. Il caso dei vaccini è (a questo punto mi viene da dire purtroppo) un esempio perfetto di come la scienza possa sabotare se stessa, riuscendo a sconfiggere un problema in maniera tanto efficace che ci dimentichiamo della sua gravità, e finiamo per ritenere opzionale quella stessa scienza che ci permette di cullarci nella sicurezza che ci ha fatto acquisire. La scelta di non vaccinare sembra avere sulla carta lo stesso peso di quella di vaccinare: ma così non è.

Non vaccinare i propri figli non mette a rischio solo loro ma anche tutte quelle persone che hanno bisogno di sfruttare l’immunità di gregge. Ed è qui che casca l’asino dell’autoritarismo: quel famoso contratto sociale si basa sul principio per cui la sovranità popolare va impiegata per perseguire l’interesse generale. E nel caso dei vaccini, l’interesse generale è che tutti quelli che possono continuino a usarli: sì, tutti. La terra non è piatta. Se apro la mano, la matita finisce per terra. Chiunque possa farlo deve vaccinarsi.

Chi si lamenta di imposizioni o paternalismo statale ignora o finge di ignorare che lo Stato in quanto espressione e organizzazione della sovranità popolare agisce con l’obiettivo dell’interesse generale di cui si diceva prima. All’individuo che si vaccina viene richiesto un impegno minimo che porta benefici immensi alla comunità. Chi si ostina a negarlo si nasconde dietro la pretesa di voler difendere la libertà di scelta come se tutte le scelte possibili in questo caso fossero equivalenti. L’unico -ismo, qui, è il loro e inizia con “ego”.

Dando i numeri sulle unioni civili

Ieri Repubblica ha pubblicato un articolo che credo fosse intitolato La frenata delle unioni civili, poi a quanto pare modificato in Unioni civili: finora 2.800 sì (al momento in cui scrivo l’URL del pezzo riporta ancora il titolo originale), in cui fornisce un’anteprima dei dati finora disponibili e che saranno ufficializzati a giorni sulle unioni civili. Il pezzo, che già nel primo paragrafo parla senza mezzi termini di flop, è riassumibile in: la comunità LGBT ha fatto il diavolo a quattro per avere le unioni civili e adesso che le hanno non le usano, soprattutto al Sud (sulla nota geografica torniamo fra poco). Dopo mezza giornata si era già sollevato abbastanza polverone da costringere la redazione a pubblicare un trafiletto di non-scuse il cui contenuto è grosso modo: ci dispiace per quelli che hanno interpretato male, noi abbiamo da sempre sostenuto questa legge importante e volevamo solo mostrare attraverso le cifre la sua evoluzione dall’entrata in vigore.

Personalmente avevo già voglia di lanciare il telefono dopo aver letto l’articolo originale, ma questa pseudo-spiegazione mi ha fatto imbestialire ancora di più, e non tanto per la solite finte scuse passivo-aggressive (per quanto, visto che ci siamo, apriamo una parentesi: ci si scusa di una cosa che abbiamo fatto, non dei sentimenti che questa ha suscitato. Quindi no a “Mi dispiace se ti fa male il ginocchio”, sì a “Scusa se ti ho dato un calcio”; no a “Ci dispiace per quelli che hanno frainteso”, sì a “Scusate se abbiamo pubblicato un pezzo scritto con i piedi che ha offeso la stragrande maggioranza di quelli che lo hanno letto”. Visto? Non è difficile. Chiusa la parentesi).

Dicevo, se ho trovato il trafiletto ancora peggio del pezzo originale non è tanto per la trita combinazione non-scuse più formula magica Ho-tanti-amici-gay (qui in versione Abbiamo-sempre-sostenuto-la-battaglia-delle-unioni-civili), quanto per la giustificazione frettolosamente messa in piedi: perché se davvero l’intento fosse stato quello di “raccontare” l’applicazione di una legge dopo la sua entrata in vigore, beh, le cose avrebbero dovuto essere fatte in maniera decisamente diversa.

Se ci avete fatto caso, quando l’Istat (o chi per esso) rende noti dati statistici su famiglie, matrimoni e natalità, questi sono sempre accompagnati da un’analisi sociologica e spesso anche da un’intervista a un/a responsabile dello studio, con lo scopo di interpretare e spiegare i dati stessi. Nell’articolo di Repubblica quest’analisi è quasi completamente assente, con l’eccezione di un paragrafo verso la fine in cui si tocca en passant il discorso dell’omofobia, e solo in riferimento ai dati del Meridione, che però potrebbero essere anche spiegati dal fatto che forse al Sud “non ci sono proprio persone dello stesso sesso che vogliono unirsi ufficialmente” (sic).

Un articolo che avesse voluto analizzare seriamente la questione avrebbe dovuto come minimo menzionare questi fattori: uno, in Italia il problema dell’omofobia non è liquidabile dietro a un “magari” ma pesa sicuramente tantissimo; due, i decreti attuativi della legge in questione sono arrivati con abbastanza ritardo da far sospettare la melina del ministro allora competente, e a tutt’oggi non sono pienamente applicati (ricordate le storie di coppie relegate a celebrare l’unione civile in un ripostiglio?), per cui è quantomeno prematuro dare giudizi così tranchant sulla sua applicazione; tre, sposarsi o comunque mettere su casa e famiglia costa, e una marea di coppie non lo possono fare perché non riuscirebbero a far quadrare i conti. E visto che questo fattore è sempre, sempre, sempre menzionato in tutti gli apocalittici articoli sulla “crisi del matrimonio” e i tassi di natalità in picchiata, la sua omissione qui è quantomeno sospetta.

La legge sulle unioni civili mira a estendere il potenziale accesso a un diritto, non a imporre modifiche al comportamento delle persone: tanto per fare un raffronto con un altro provvedimento che ha più o meno la stessa età, raccogliere dati sulle vittime di incidenti stradali mortali ha senso se si vuole valutare l’efficacia dissuasoria del reato di omicidio stradale, che è stato introdotto con lo scopo ben preciso di spingere le persone a comportarsi in un certo modo quando sono alla guida. Ma introdurre la possibilità per le coppie dello stesso sesso di contrarre unione civile non implica in alcun modo che queste debbano farlo per fornire alla legge una ragione di esistere. Come su divorzio, aborto o eutanasia, in questo caso la norma serve a far sì che chi vuole/ne ha bisogno possa usufruire di un determinato diritto, e quindi la cosa importante è che questa opzione sia presente nell’ordinamento giuridico e accessibile all’atto pratico, indipendentemente da quante persone poi vi fanno ricorso.

Fornire le cifre relative alle unioni civili avrebbe avuto un senso se lo si fosse fatto con una premessa di questo genere: a giorni saranno resi noti i primi dati ufficiali sull’applicazione della legge Cirinnà, ve li riportiamo pur sottolineando che la legge in questione non è ancora a pieno regime e che questi numeri hanno in ogni caso un valore limitato. La cosa fondamentale è che la norma esista e questi dati ci possono aiutare a capire se e come la sua applicazione debba essere migliorata.

Ecco, se il pezzo di Repubblica si fosse aperto in questo modo, non ci sarebbe stato nulla da ridire; ma parlare gratuitamente di flop senza neppure tentare di capire in buona fede le ragioni dietro quei numeri arbitrariamente definiti bassi smentisce qualunque pretesa di voler “tastare il polso” alla legge e capirne “il senso e la portata”. L’unica cosa che abbiamo capito, e non per la prima volta, è che sul funzionamento di base dei diritti civili dobbiamo ancora imparare i fondamentali.