La quadratura del M5S

In uno dei suoi libri di enigmi e giochi matematici, Martin Gardner racconta la storia della polemica seicentesca tra il matematico John Wallis e Thomas Hobbes (sì, quello dell’homo homini lupus). Che cosa era successo? A un certo punto della propria vita Hobbes aveva scoperto la geometria e se ne era innamorato. Da neofita entusiasta si era lanciato sul problema della quadratura del cerchio, pubblicando anche diverse approssimazioni più o meno buone, che però pretendeva essere metodi validi per ottenere una quadratura esatta. I matematici dell’epoca avevano intuito che questo era impossibile, ma mancavano delle conoscenze necessarie a costruirne la dimostrazione (semplificando: soltanto nel secolo successivo si sarebbe ipotizzato che la quadratura esatta del cerchio è impossibile se π è un numero trascendente, cosa che a sua volta venne dimostrata solo nel 1882). Hobbes non la prese bene quando Wallis fece notare gli errori nella sua prima dimostrazione, e la disputa matematica diventò una polemica accademico-politica che si trascinò per decenni ed ebbe fine solo alla morte di Hobbes.

Ecco, da quando il M5S è apparso sulla scena politica italiana, questo aneddoto mi è tornato in mente più di una volta. Lasciamo per un attimo da parte i capoccia che sono evidentemente guidati da considerazioni di carattere squisitamente economico; e lasciamo da parte anche gli opportunisti che hanno visto nel M5S un (nuovo) ponte verso cariche e relative prebende, approfittando di una selezione all’ingresso pressoché inesistente. È la gran parte della base che mi ricorda proprio Hobbes: lo stesso ingenuo entusiasmo di chi scopre qualcosa, la stessa sprezzante superiorità di chi crede di essere arrivato per primo, la stessa incredulità (generata dall’ignoranza) di chi rifiuta di ammettere che altri si siano già confrontati con un dato problema.

Va detto che il primo punto non è necessariamente negativo, anzi: ben venga se nuovi cittadini che prima la ignoravano si avvicinano alla politica con entusiasmo. A questo però si deve accompagnare l’umiltà di voler imparare. In caso contrario, come è successo con il M5S (con sentiti ringraziamenti all’idea che la politica non sia roba da professionisti e che qualunque laureato all’università di Google possa cavarsela più che bene), è inevitabile prendere delle facciate.

Facciamo politica da secoli, bisogna essere decisamente ignoranti e arroganti per credere di avere inventato qualcosa di nuovo. Democrazia diretta? Già fatto. Voto online? Già provato. Fa quasi pena vedere il disorientamento della base M5S al contatto con la realtà; anzi, farebbe quasi pena, se non fosse per quella irritante e cieca fede nella propria diversità. La storia è costellata di innumerevoli esempi di democrazia diretta, tutti più o meno minati dagli stessi problemi; in base a che cosa esattamente il M5S pretendeva di riuscire là dove tutti gli altri avevano fallito? Di e-voting (e problemi legati allo stesso) si parla dai primissimi anni Duemila, ma nella narrativa a cinque stelle lo ha inventato il Movimento – salvo poi cadere dal pero quando ci si rende conto che le votazioni online hanno grossi problemi di trasparenza e certificazione del risultato.

La figuraccia rimediata a Bruxelles è solo l’ultima in ordine di tempo, ma ho la sensazione che non sarà l’ultima in assoluto: capita, quando invece di costruire su quello che già si sa si cerca di reinventare continuamente la ruota. O di quadrarla.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s