#FertilityDay, il prevedibile disastro di una strategia sconcertante

Brevissimo riassunto del pasticcio #FertilityDay: il Ministero della Salute ha pubblicato tempo fa un corposo (137 pagine) Piano Nazionale per la Fertilità che prevedeva tra l’altro una campagna di sensibilizzazione sul tema comprendente l’istituzione di una giornata della fertilità (il 22 settembre, se volete segnarvelo in agenda) con tanto di hashtag.

Di per sé l’idea non è neanche malvagia, la denatalità può effettivamente diventare un grosso problema ed è giustissimo in ogni caso migliorare la prevenzione delle patologie che possono danneggiare la fertilità (se non altro perché in genere hanno anche altre conseguenze ed è meglio evitarle a prescindere).

Il problema è il modo in cui la campagna è stata impostata. Delle terrificanti “cartoline” con immagini di clessidre biologiche (ma non era l’orologio?) e pantofoline avvolte da un nastro tricolore di Ventenniana memoria si è già parlato parecchio, quindi non mi ci soffermo. Sono andata però a leggermi il Piano, che mi ha suscitato non poche perplessità.

Il documento si apre con la sacrosanta considerazione che, trattandosi di strategia sviluppata dal Ministero della Salute, il suo focus è la Fertilità (sì, con la maiuscola, tipo divinità minore in un manualetto di mitologia greca) dal punto di vista medico. Argomenti più attinenti alla dimensione socio-culturale ed economica quali le misure di sostegno alla famiglia non verranno trattate.

Fin qui sarei anche d’accordo, il problema è che poi le considerazioni socio-culturali saltano fuori eccome, e non in maniera positiva. In altre parole, il Piano prende in esame la botte piena delle odierne difficoltà di conciliazione lavoro/famiglia per dare addosso a quegli egoisti dei millennial (non chiamati così perché gli estensori del documento non hanno evidentemente contezza del concetto), e si libera disinvoltamente dalla moglie ubriaca del dover proporre soluzioni concrete a quelle difficoltà nascondendosi dietro il “Non è di nostra competenza”.

Non sto ovviamente a riassumervi tutte le 137 pagine, anche perché la maggior parte sono dedicate a strategie e progetti strettamente medici su cui non posso esprimere un giudizio competente. Piccola selezione commentata.

Tra gli obiettivi del Piano ci sono:

4) Operare un capovolgimento della mentalità corrente volto a rileggere la Fertilità come bisogno essenziale non solo della coppia ma dell’intera società, promuovendo un rinnovamento culturale in tema di procreazione.

5) Celebrare questa rivoluzione culturale istituendo il “Fertility Day”, Giornata Nazionale di informazione e formazione sulla Fertilità, dove la parola d’ordine sarà scoprire il “Prestigio della Maternità”.

Quasi quasi vado a rileggere The Handmaid’s Tale per controllare che il punto 4 non l’abbiano preso da lì. Tralasciando il fatto che la fertilità (minuscola voluta) non è un “bisogno essenziale”, è preoccupante che un documento ufficiale promuova l’idea che il corpo delle persone, soprattutto donne, debba essere messo al servizio della società. Sull’infelicissima idea di usare l’espressione “rivoluzione culturale” mi taccio, come pure sull’idea di appuntare immaginarie medaglie sulle ovaie delle italiane.

fertilityday_cartolina
L’appello per la donazione delle fedi alla Patria il prossimo anno

In più punti del Piano si parla poi della necessità di migliorare la conoscenza alla fertilità nell’ambito di una più ampia strategia di educazione alla sessualità consapevole già dai 13-14 anni, coinvolgendo pediatri, MMG e ovviamente le famiglie. Lodevole sulla carta, ma non sarebbe infinitamente più efficiente e meno ipocrita sostenere finalmente con forza i programmi scolastici di educazione sessuale e alla diversità?

Proseguiamo: una delle “cartoline” usate nella campagna parla dei genitori giovani come maggiormente “creativi”, un concetto che torna anche nel Piano (misto a un po’ di millennial-bashing gratuito):

Si assiste, infatti, ad una pericolosa tendenza a rinviare questo momento [la prima gravidanza], in attesa proprio di una realizzazione/affermazione personale che si pensa possa essere ostacolata dal lavoro di cura dei figli [che si pensa, eh. Nella realtà non succede proprio mai mai mai]. La maternità, invece, sviluppa l’intelligenza creativa e rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. L’organizzazione ingegnosa che serve a far quadrare il ritmo delle giornate di una mamma, la flessibilità necessaria a gestire gli imprevisti, la responsabilità e le scelte implicite nel lavoro di cura, le energie che quotidianamente mette in campo una madre sono competenze e potenziali ancora da esplorare e capire come incentivare e utilizzare al rientro al lavoro [grassetto aggiunto].

Sorvoliamo su quel “la maternità sviluppa l’intelligenza creativa” che ha più o meno lo stesso valore scientifico delle scie chimiche, e raccogliamoci in silenzio per un momento sulla totale assenza del coinvolgimento maschile nel far quadrare il ritmo delle giornate e nel mettere in campo energie. Sorry, dudes. Continuate pure a dare ditate di colore sulle pareti della caverna.

Se poi vi state chiedendo che cosa si intenda parlando delle competenze materne da utilizzare al rientro al lavoro, sappiate che gli autori del Piano deplorano come

il valore sociale della maternità non [sia] considerato un valore aggiunto nei curriculum lavorativi delle donne […] Il paradosso è che per esempio, un periodo di volontariato all’estero come coordinatore di un progetto di cooperazione per qualche mese, viene considerato e può fare la differenza nella valutazione professionale, mentre gravidanza, parto, allattamento e accudimento (per es. nel caso di figli con disabilità), non sono considerati altrettanto indicativi delle capacità organizzative e di relazione della stessa persona.

L’hanno scritto davvero. Non vedo l’ora che arrivi il momento in cui potrò cliccare Endorse su LinkedIn a tutte le mie amiche mamme premiandole per le loro competenze in “biberon”, “cambio pannolini” e “bagnetto”. Dovrebbe essere superfluo, ma ve lo dico lo stesso: non mi permetto di prendere in giro i genitori. È questa idea di professionalizzazione della maternità che merita solo di essere ricoperta di ridicolo.

Ancora un po’ di millennial-bashing, commentato direttamente nella citazione (grassetto aggiunto):

Da un punto di vista psicologico sembra diffuso un ripiegamento narcisistico [il narcisismo è una patologia ben precisa, ma perché dovrebbero saperlo? In fondo è solo il Ministero della Salute] sulla propria persona e sui propri progetti, inteso sia come investimento sulla realizzazione personale e professionale, sia come maggiore attenzione alle esigenze della sicurezza, con tendenza all’autosufficienza da un punto di vista economico e affettivo [il desiderio di guadagnarsi da vivere in autonomia è narcisistico. K] . Tale disposizione, spesso associata ad una persistenza di un’attitudine adolescenziale, facilitata dalla crisi economica [la crisi produce Peter Pan che però vogliono realizzarsi professionalmente ed essere indipendenti. Mi sta venendo mal di testa] e dalla perdita di valori e di identificazioni forti, si riflette sulla vita di coppia e porta a rinviare il momento della assunzione del ruolo genitoriale, con i compiti a questo legati. Nelle donne, in particolare, sono andati in crisi i modelli di identificazione tradizionali ed il maggiore impegno nel campo lavorativo e nel raggiungimento di una autonomia ed autosufficienza ha portato ad un aumento dei conflitti tra queste tendenze e quelle rivolte alla maternità [non ci sarebbe grande conflitto se il Paese vivesse nel XXI secolo ¯\_(ツ)_/¯]

Più avanti:

Le donne si trovano all’angolo, in quello che viene definito in psicologia ‘doppio legame’. Si tratta di una condizione entro la quale qualunque scelta fatta è una scelta sbagliata. La scelta della “non” maternità, appare, però, ancora di segno negativo, come se fosse meno libera e, quindi, quasi da giustificare (con la precarietà del lavoro, la mancanza di servizi per l’infanzia, la crisi economica ecc.). Ma qualsiasi scelta fatta avrà come conseguenza un senso di incompiuto [grassetto aggiunto].

No, imbecilli che per le virgole tirano i dadi. Ci sono anche persone che scelgono di non avere figli perché non li vogliono, e guess what? Non ci sentiamo affatto incompiuti per questo.

E’ [sic] utile ricordare che la “sessualità” non è un accessorio del nostro comportamento avulso ed enucleabile dalla funzione riproduttiva, a cui biologicamente è destinata.

Con tanti saluti alla comunità LGBT e a tutti quegli scienziati che si sgolano a spiegare che la sessualità umana avulsa ed enucleabile dalla funzione riproduttiva lo è eccome. Per inciso, mi sto ancora lambiccando il cervello per capire perché “sessualità” sia stato virgolettato. Qualche suggerimento?

Resistete, siamo in chiusura. Come ho detto non mi esprimo sulla validità delle strategie mediche individuate nel Piano; ma mi pare che i passi riportati dimostrino già ampiamente che dal punto di vista della comunicazione si sia mancato clamorosamente il bersaglio. E non basterà eventualmente “cambiare le cartoline”, come propone la ministra Lorenzin (a parte il fatto che sarebbe indice di sconcertante pressappochismo cambiare a cose fatte il contenuto di una campagna che si suppone essere stata approvata dopo ampie discussioni).

Se ci si fosse limitati a un documento più tecnico rivolto a operatori sanitari ed educatori ed eventualmente complementare a una strategia di supporto (economico, logistico…) alla genitorialità, probabilmente si sarebbe prodotto qualcosa di più valido. Invece il (condivisibile) intento di prevenzione è stato completamente nascosto dal disastro comunicativo di un messaggio antiquato, mal articolato, e in certi punti francamente offensivo; e non credo che cambiarlo a questo punto farà una gran differenza. Mettersi a correre non può compensare il fatto di essere partiti in una direzione decisamente sbagliata.

Advertisements

One thought on “#FertilityDay, il prevedibile disastro di una strategia sconcertante

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s